6 luglio 2015

I belli del mese

Spumeggia, biancheggia, s’infiora, odora, travolge la cuora...
(estratto da: L’onda di Gabriele D’Annunzio)

L'estate è finalmente arrivata! Voglia di mare, sole, gelati e vacanze. Ecco un mix rinfrescante al gusto estivo! Per non perderti niente, ricordati di iscriverti alla Newsletter.

In senso orario:

- Poster grafico by Laboratoriografico
- Teiera in ceramica decorata a mano by BottegaKrua
- Illustrazione originale "Primo Bagno" by tostoini
- Coppia di bagnanti by Cromanticamente
- Costume Vintage originale anni 50/60s by Skomoroki
- Scatolina da collezione by sabiesabi

Collage creato da Siska by Siskatank

1 luglio 2015

Fare foto per il tuo negozio online - livello avanzato (Styling)

foto di RareRetro
Nel secondo mese di EIT school dedicato alla fotografia per chi è a un livello avanzato, ci soffermeremo sullo Styling, ovvero l’arte di abbinare degli oggetti di contorno ai nostri prodotti, per farli risaltare, attirare il nostro target e rimanere in linea con il nostro brand.
Lo styling riguarda inoltre le inquadrature che scegliamo di adottare nei nostri scatti, la luce, e diciamo in generale, l’atmosfera che i nostri scatti creano. Lo styling riguarda tantissimi ambiti, dalla moda, alle riviste, dall’arredamento, al prodotto etc, ma in pochissime parole, grazie a una buona scelta degli elementi scenici, in un batter d’occhio possiamo catturare il nostro target, esprimere la nostra mission, far risaltare il nostro brand, dare importanza a ciò che creiamo, suggerire l’uso che si può fare della nostra creazione e fornire indicazioni sulle dimensioni.
Come detto a giugno, una delle caratteristiche che devono avere le fotografie dei prodotti è la bellezza: senza la “messa in posa” delle nostre creazioni non è possibile raggiungere l’estetica desiderata. Quell’estetica che caratterizza il nostro brand e che veicola il messaggio che vogliamo lanciare proprio a quel cliente, che è il nostro cliente ideale.
Per avere un’idea più chiara di cosa si parla quando si parla di Styling, vi rimandiamo ad alcuni articoli.

Cos’è lo Styling?


LINK DA STUDIARE

➨ Dal blog di Etsy un post sull’uso degli oggetti di scena per dare enfasi al proprio prodotto e rendere unico il proprio brand
➨ Anche su altre piattaforme si trovano consigli molto utili che riguardano lo styling: qui quelli di Big Cartel
➨ Alcuni consigli per mettere in posa i proprio oggetti su Etsy, da una venditrice e designer: Rachel Shingleton di PencilShavingsStudio.etsy.com.
➨ Lo styling non è solo per le inserzioni, ma può essere molto utile per le fotografie dei vostri blog.
➨ Il New York Institute of Photography ci suggerisce tre facili trucchi per uno styling perfetto
➨ Alcuni semplici consigli di Holly Booth, fotografa di prodotti.
➨ Dal sito di StyleShoot, produttori di attrezzature tecniche per la fotografia di moda e commerciale, una guida pratica allo styling .
➨ Degli esempi di styling con protagonisti gli oggetti, nella board di Jess Wright, designer australiana.
➨ Un piccolo compendio di articoli con tantissimi consigli (sia generali sulla fotografia sia specifici sullo styling) su come fotografare dentro casa
➨ Lo styling ha bisogno di preparazione e organizzazione, non si può improvvisare, ma è necessario fare un piano d’azione affinchè i vostri scatti risultino esattamente come li volete. Ecco quindi un paio di articoli (dal blog di Etsy 1 e da Digital Photography School l’altro) che danno alcuni consigli.
➨ In un articolo della direttrice di Vogue si dice che quello della stylist “È un lavoro di ricerca, di scelte, di fantasia.” E ancora “Basta rompere l'equilibrio e quello che potrebbe essere un completo meraviglioso diventa un orrore per eccesso o per difetto.” L’articolo è incentrato sul lavoro di una stylist per la moda, ma ci sono molti spunti interessanti che si possono declinare a uno shop.
➨ Lo styling è anche per gli interni: sul sito di un’azienda che si occupa di consulenze per Interior Styling e eventi, troviamo una definizione chiara e semplice “Espressione dello stile nella vostra casa, affinché la vostra personalità e il vostro gusto si esprimano in modo completo e a tutto tondo.” Anche qui, declinabile sul proprio negozio e le foto dei propri prodotti.
➨ E infine il Knolling: una tecnica di composizione davvero di impatto, che può arrivare a rendere le foto dei prodotti delle vere opere d’arte (ehm, forse qui sono poco oggettiva, perché amo molto questa tecnica, e mi sembrava giusto condividere la mia esaltazione!).

Ora che avete un’idea più chiara di cosa sia lo styling, credo che il modo migliore per affrontare questo argomento sia quello di usare degli esempi visivi, quindi non mi dilungherò oltre.

Trovate gli esercizi dopo le selezioni.

ESEMPI DI STYLING

Nelle prossime settimane vi mostreremo degli esempi di styling, che secondo noi rendono appieno la varietà di inquadrature, props, branding possibili. (Ovviamente Etsy, ma anche Pinterest, sono pieni zeppi di ottime fotografie da cui prendere ispirazione: la nostra è quindi solo una panoramica, che potete arricchire con le vostre ricerche e trasporre al vostro prodotto, se in linea col vostro brand) NB: Essendo il programma di questo mese dedicato a chi è a un livello avanzato, non abbiamo incluso nelle selezioni, fotografie con fondo bianco o neutro, e che rappresentano il solo prodotto: se non avete destrezza con la tecnica fotografica vi consigliamo di familiarizzare con le tecniche base, che trovate a questo link 

Borse 

in senso orario:
Laptop backpack in grey | Shopper | Hip bag | Orange neon purse | Rucksack | Crossbody bag | Messenger bag | Wallet

Gioielli 

in senso orario:
42 silver earrings | Long necklace | Wedding rings | Rose lapel pin | Ceramic pendant necklace | Silver earrings | Dangle earrings | Geometric earrings | Art deco glass necklace |  Pluto bracelet

Abbigliamento e accessori per lei 

in senso orario:
Gypsy maxi skirt |  Blue dress | Apron dress | Pom Pom hat | Beaded wrist warmers | Fingerless mittens | Leather shoes | Red handwoven scarf | Brown cowl

ESERCIZIO

Riprendi in mano i tuoi appunti sul Branding e le parole chiave relative al tuo Target, aggiungi un campo e inserisci una lista di oggetti di scena che pensi possano funzionare per esprimere il tuo brand e colpire il tuo target; puoi anche farlo con le immagini, creando o arricchendo le tue board tematiche su Pinterest. Una volta fatto ciò, fai (o rifai) le foto ad almeno 5 prodotti del tuo negozio, creando le ambientazioni e curando lo styling.


Le tue foto sono ambientate? Quali difficoltà incontri? Quali oggetti di scena usi? Raccontacelo sul forum nella discussione dedicata o qui sotto nei commenti!

Scritto da Giada Ramponi.

Giada ha i capelli rossi e il sorriso pronto, lavora nel negozio di antiquariato di famiglia e buca animaletti (di plastica!) per farne delle spille che vende nel suo negozio Etsy.
E’ nota nel forum EIT per gli interessanti aneddoti raccontati col suo tono scanzonato, lo stesso che ha messo a nostra disposizione in questo blog per raccontarci quello che succede nel mondo EIT.


8 giugno 2015

I belli del mese

Gira il tuo viso verso il sole e le ombre cadranno dietro di te. 
(Proverbio Maori) 

Si avvicina il solstizio d'estate... E' tempo di sole, colori, relax e felicità. Ecco un assaggio delle creazioni ispirate al mese di Giugno e all'arrivo dell'estate. E per non perderti niente, ricordati di iscriverti alla Newsletter.

In senso orario:

- Maglietta con taschino by Melimebaby
- Sandali da spiaggia by CrazyFoxDesign
- Sciarpa di seta dipinta a mano by AliceElettrica
- Arazzo con paesaggio toscano by nerina52
- Rosa in carta rigenerata by BottegaUsvei
- Bikini a fascia con fiori by SummerInItaly

Collage creato da Siska by Siskatank

5 giugno 2015

Fare foto per il tuo negozio online - livello base

foto di JenniferWood
Per i prossimi due mesi (giugno e luglio) si parlerà di Fotografia: giugno sarà dedicato a chi è a un livello base e luglio a chi è a un livello avanzato.

La fotografia è uno degli argomenti preferiti dell'Etsy Italia team, non solo perché abbiamo occhio per le cose belle, ma soprattutto perché una giusta presentazione visiva aiuta a vendere meglio il proprio prodotto. Avendo affrontato questo argomento in tutte le salse (workshop al Craft Camp 2013, etsy dritta, nel forum stesso) cercheremo di soffermarci sull'aspetto più aleatorio dell'immagine fotografica: la bellezza. Ma cos'è esattamente una bella foto?
Per rispondere alla domandona che in molti si pongono, e la cui risposta non è mai 42, bisogna tenere presente lo scopo per cui si scatta una foto: così come il registro linguistico e la scelta del font per il proprio brand, la fotografia dei propri prodotti, oltre ad dover essere in linea con il lavoro svolto nei mesi precedenti dell’EIT school, ha delle peculiarità che ne fanno un'espressione a sé stante.
Dato che non stai facendo le foto-souvenir delle tue vacanze, né un reportage, né tantomeno vuoi fregiarti dell'aspetto prettamente artistico che questo strumento può offrire, non perdere mai di vista che le foto per il tuo shop sono l'arma di seduzione e attrazione più potente che hai a disposizione per attirare il tuo cliente ideale.

La foto di un prodotto per essere bella deve avere poche ed essenziali caratteristiche:
1. L'articolo deve vedersi interamente e devono essere messi in mostra i suoi dettagli di lavorazione. Su Etsy hai a disposizione 5 foto, e se hai molti dettagli da mostrare puoi anche fare un collage in uno degli spazi. Se vendi vintage ricorda di fotografare tutte le imperfezioni e il marchio, se presenti.

2. La foto deve essere nitida e a fuoco. Effetti di sfumatura, filtri, scritte, e quant'altro, oltre a non essere necessari, distolgono l'attenzione dal tuo prodotto.

3. I colori devono essere quanto più simili all'originale. Questo è il motivo per cui si consiglia spesso di utilizzare la luce naturale (non il sole diretto) o una light box, e un fondo chiaro e/o di un colore neutro, che non influiscano sui colori originali. L'uso del flash è sconsigliato proprio perché vira i colori, ma se sai quello che stai facendo e hai dei rudimenti di fotografia almeno semi professionale, perché stai leggendo questo articolo? Ultimamente vanno molto di moda le foto su fondo scuro, sicuramente molto di effetto, ma più difficili da realizzare. Se sei alle prime armi, fai tuoi gli strumenti di base e poi lanciati nella sperimentazione.

4. La foto deve essere esplicativa e realistica. È necessario porre un elemento di raffronto per avere il colpo d'occhio delle dimensioni o ambientare il tuo prodotto: a meno che non sia una scelta stilistica, non ha senso appoggiare una teiera per terra! Se vendi abiti o qualsiasi cosa da indossare, la migliore presentazione è indossarli. Ricorda che molte persone sono attente all'igiene, quindi potrebbero non comprare qualcosa indossato da altri, pertanto segnala che il prodotto che riceveranno non è stato usato per le foto o, se è vintage, che verrà lavato prima di essere spedito.

5. La composizione fotografica deve valorizzare il tuo oggetto. Ci sono molti tipi di inquadrature e tecniche per fotografare un oggetto: puoi basarti sulla regola dei terzi, o fare una composizione centrale, o dall’alto (Knolling), o sfruttando la profondità di campo, e ognuna suggerisce immediatamente un mood, uno stato d’animo in chi guarda e se hai lavorato su target e branding, sai già quanto sia importante creare un filo diretto con il tuo cliente. Quando trovi l’inquadratura ideale per il tuo prodotto, mantienila: il tuo negozio e il tuo brand ne gioveranno in omogeneità. Detto questo avrai capito che una bella foto se vendi online, non deve essere bella in un senso strettamente estetico, ma deve saper mostrare al meglio ciò che vendi a chi, il tuo cliente, è dall’altra parte del monitor, infatti l’unica possibilità che ha di “toccare” l’oggetto che vuole fare suo è vederlo in ogni sua fibra, angolatura, dettaglio. È l’attenzione sulle piccole cose farà di te un grande brand!

 CONSIGLI GENERALI 


→ Aiuta le tua stabilità (anche emotiva) con il cavalletto.
→ L’emozione dello scatto è forte e ti tremano le mani? Imposta il timer per l’autoscatto.
→ Diventa il miglior amico di un programma di fotoritocco. (ne esistono sia gratis sia a pagamento) → Alcuni colori sono più difficili di altri da fotografare: evita di fare oggetti rossi! O blu e neri. O bianchi e oro. Scherzo ovviamente, online puoi trovare molte guide e consigli utili.
→ Alcuni materiali, come il vetro, richiedono particolari attenzioni per non risultare piatti in foto e far vivere la loro peculiarità materica, come la trasparenza: gioca con le luci e i riflessi per trovare la soluzione ottimale, dopo aver fatto un po’ di ricerche specifiche.
→ RTFM. La tua macchina fotografica non deve avere segreti per te! Leggi il manuale d’istruzioni e sperimenta.
→ Ricorda che ogni monitor ha una calibrazione dei colori propria: non affidarti quindi solo alla fotografia per essere descrittivo, ma specifica sia nel titolo sia nella descrizione il colore vero del tuo oggetto. E ricorda al cliente che i monitor hanno calibrazioni diverse.
→ Non nascondere nulla e non lasciare nulla al caso: cose che per te possono essere scontate o di poco conto, non lo sono affatto per chi sta per comprare, e anzi potrebbero causare la restituzione dell’oggetto comprato. Ricorda di fotografare la chiusura degli orecchini o della collana, l’interno della borsa, il retro della spilla, il fondo della ciotola, il gancio del quadro, la presa della lampada…

LINK DA STUDIARE 



ESERCIZI


Per questo mese ti proponiamo un solo esercizio.
Esercizio per chi è a un livello base:
Fai o rifai almeno 10 foto dei tuoi prodotti su fondo neutro, magari aiutandoti con una lightbox. Poi (ri)spargili per il mondo e controlla la reazione di chi li vede: sono inseriti in più treasury? I cuori aumentano?

Scritto da Giada Ramponi.

Giada ha i capelli rossi e il sorriso pronto, lavora nel negozio di antiquariato di famiglia e buca animaletti (di plastica!) per farne delle spille che vende nel suo negozio Etsy.
E’ nota nel forum EIT per gli interessanti aneddoti raccontati col suo tono scanzonato, lo stesso che ha messo a nostra disposizione in questo blog per raccontarci quello che succede nel mondo EIT.

25 maggio 2015

Come pagare su Etsy senza paura

foto di DiGeordie
La paura di acquistare online è ancora tra noi.

Nonostante la crescita delle vendite su internet nel 2014 prevista anche per il 2015, il numero di utenti che compra online in Italia è ancora molto distante dai livelli raggiunti nel resto del mondo.
Perchè la strizza è tanta. 
Non è legata all’età, alla provenienza geografica, al livello culturale. E’ una paura trasversale che colpisce indifferentemente coloro che non si sono ancora approcciati agli acquisti online perché frenati da atavici timori, radicata diffidenza e spesso mancanza di corretta informazione. In questi soggetti si scatena una ridda di domande cariche di ansia e oggi cercherò di rispondere alla più terrificante tra queste:

“I pagamenti online sono sicuri?”


In questo post ti spiegherò come pagare i tuoi acquisti online con serenità e sicurezza, su Etsy o dove vuoi tu, perché la maggior parte delle regole vale per tutti i siti.
Intanto sfatiamo il primo falso mito: “l’uso della carta di credito online è pericoloso”. Non è più pericoloso di dare la tua carta in mano al cameriere che va poi a strisciarla nel retro del ristorante dove hai cenato, o presentarla alla cassa di un supermercato o ancora prelevare allo sportello automatico di una banca. Se c’è una truffa in agguato i rischi sono parimenti suddivisi. Anche il contante non è che non abbia i suoi guai, quando magari ti ritrovi con biglietti falsi nel portafoglio dopo aver cambiato un centone e che ora potrai usare per farci dei coriandoli.
Tutti gli acquisti richiedono attenzione alla sicurezza: se vado per negozi devo fare attenzione che non mi rubino il portafoglio dalla borsa mentre passeggio o a non dimenticare la carta di credito sul bancone del grande magazzino; se compro su internet devo fare attenzione a gestire con accortezza i miei dati.

Ecco quindi alcune regole di sicurezza legate all’uso di internet e del tuo computer:

1. Cambia regolarmente le password creandole complesse con numeri/segni/maiuscole/minuscole (ricordandotele dopo, ma questo è un altro problema che non possiamo affrontare qui).
2. Fai logout da ogni procedura/sito utilizzato, soprattutto se tali apparecchi sono pubblici o in condivisione con altre persone.
3. Usa un buon antivirus per il tuo computer e tienilo aggiornato.

Ora: hai finalmente trovato l’articolo dei tuoi sogni e dopo mille riflessioni hai deciso che lo vuoi proprio acquistare.
Ti rimane quindi l’ultimo passaggio: valutare i tipi di pagamento proposti. Ogni venditore è diverso dall’altro e può proporre sistemi di pagamento differenti che potrebbero essere segno di affidabilità o sintomo di eventuale truffa.

I segnali di pericolo sono:

  • richiesta di inviare contanti 
  • richiesta del venditore di utilizzare altri metodi di pagamento diversi da quelli proposti nell’inserzione
  • richiesta di chiudere la transazione al di fuori della piattaforma dove hai trovato l’oggetto 
  • richiesta di inviare il pagamento tramite servizi di trasferimento immediato di contanti da punto a punto (quindi non tramite banche)
  • richiesta di pagamento mediante la "ricarica" di una carta prepagata del venditore (come ad esempio Postepay o la carta prepagata di PayPal) 
  • pagare con valuta virtuale o criptovaluta

Il fatto che ti venga proposta una delle soluzioni sopraindicate non vuol dire necessariamente che “C’è del marcio in Danimarca”, ma richiede una maggiore cautela da parte tua, perché i venditori in realtà hanno a disposizione tanti altri sistemi per farsi pagare, ben più comodi e sicuri e allora perché dovrebbero proporti un incontro segreto in un posto isolato di notte da soli con solo biglietti di piccolo taglio?
La maggior parte delle vendite online sono regolate con Paypal e carte di credito. Tutti i siti e i venditori più affidabili presentano questi metodi di pagamento.

Paypal


Paypal è un sistema di pagamento per proteggerti nei tuoi acquisti online e su Etsy il più diffuso. La maggior parte dei venditori sceglie PayPal perché consente il trasferimento immediato dei fondi e, certi di essere stati pagati, possono spedirti subito l’oggetto venduto. Come compratore, una volta registrato su Paypal, potrai pagare i tuoi acquisti inserendo semplicemente la tua mail di registrazione e la tua password, senza più digitare il numero della tua carta di credito, che verrà custodito da Paypal e mai comunicato a nessun venditore. Inoltre potrai usufruire della protezione acquisti.
Il costo del servizio è a carico dei venditori. Come compratore il servizio è gratuito (solo se acquisti in valuta diversa dall’Euro ti verrà applicata una tariffa di conversione che potrai comunque controllare prima di validare il pagamento).
Per aprire un account Paypal basterà seguire pochi semplici passaggi e per qualsiasi dubbio consulta la pagina dell’assistenza clienti.
Se vuoi pagare con carta di credito, ma non vuoi ancora registrarti, puoi provare Paypal e vedere senza impegno come funziona il servizio: basterà seguire queste indicazioni. Dopo un certo numero di pagamenti effettuati senza registrazione ti verrà richiesto di iscriverti, ma a quel punto probabilmente avrai già deciso tu stesso di farlo dopo averne sperimentato la comodità.

Carta di credito


Se vuoi pagare direttamente con carta di credito ecco qualche consiglio di base:

  • non dare mai il tuo numero di carta di credito o le tue password in una email o per telefono
  • se usi la tua carta su un sito di vendite verifica che abbia il sistema SSL (secure socket layer technology) o qualcosa di similare che garantisca la trasmissione criptata dei dati
  • controlla il tuo estratto conto regolarmente e attiva il sistema di avviso che ti invia un sms quando la tua carta viene utilizzata (tutte le carte ormai lo propongono gratuitamente) 
  • leggi bene le informazioni che ti sono state date quando ti hanno consegnato la carta e consulta regolarmente i siti di riferimento per gli aggiornamenti. 

Su Etsy puoi acquistare direttamente con la tua carta di credito presso i negozi che hanno aderito al Direct Check-out (pagamento diretto). Questo sistema di pagamento prevede l’intermediazione di Etsy che fa da tramite tra compratore e venditori, tutelandoli entrambi. Il compratore invia i dati di pagamento a Etsy ed Etsy girerà solo i fondi al venditore, senza comunicargli i dati della carta di credito. Un po’ quello che fa Paypal. (Scopri come funziona).
Non tutti i negozi hanno aderito a questo sistema di pagamento, pertanto verifica prima di effettuare il tuo acquisto. I Negozi aderenti al Direct Checkout possono accettare per i pagamenti, oltre alle principali carte di credito, anche i Buoni regalo Etsy, i bonifici bancari (nei paesi autorizzati e non Italia, per ora), o i pagamenti tramite Google Wallet o Apple Pay

Bonifico bancario/assegno


Il bonifico bancario o l’assegno bancario o circolare/vaglia postale sono altri sistemi di pagamento che possono essere offerti. Rispetto ai precedenti risultano sicuramente meno comodi e moderni, tuttavia se il venditore lo offre, e a te va bene, li puoi utilizzare. Dato però che non sono strumenti di pagamento immediato ovviamente la rapidità della spedizione ne risentirà sicuramente. Non sono una gran sostenitrice di questo tipo di pagamento, l’avrai capito.

Ricapitolando.


  • Prima di tutto buon senso. Se un’inserzione non è chiara oppure il prezzo non è adeguato al reale valore dell’oggetto, beh, fatti venire qualche legittimo dubbio e non rischiare. Puoi scrivere al venditore per maggiori dettagli e valutare in base alla sua risposta. Anche se questo te lo avevamo già detto nella piccola guida per comprare su Etsy, ricordarlo non fa mai male. 
  • Verifica i feedback ricevuti dai venditori e leggi sempre le condizioni di vendita di ogni negozio. Non effettuare transazioni al di fuori di Etsy: la protezione acquisti funziona solo se il pagamento è stato effettuato con pagamento diretto o Paypal.
  • Segnala immediatamente mail sospette apparentemente in arrivo da Etsy all’indirizzo email spoof@etsy.com


Ora sai tutto quello che ti serve per effettuare i tuoi pagamenti online in sicurezza e puoi procedere con il tuo acquisto. 

Cos’è che volevi comprare?


Scritto da Anna Bruno.

Anna vive in un piccolo paese del Piemonte. Di giorno si divide tra casa, lavoro e tre uomini, correndo pericolosamente su tacchi 12, perché la fatica va affrontata con stile. La sera si ritaglia un po’ di tempo per le varie incombenze EIT dispensando sorrisi virtuali ai nuovi iscritti.
I mille impegni quotidiani però non riescono a tenerla lontana dalla sua grande passione, il cucito, che trova libero sfogo nel suo negozio su Etsy.

18 maggio 2015

I belli del mese


Speciale "Nepal Aid"

Un vento di maggio gonfio come un frutto, che aveva in sé la ruvidità della buccia, la morbidezza della polpa e innumerevoli semi.
(Haruki Murakami) 

Continua la raccolta fondi della campagna #crafters4nepal‬ per portare aiuto in Nepal.
Comprate e regalate handmade.
Sosteniamo insieme la popolazione colpita dal terremoto.
Ecco alcune delle creazioni e dei creativi che aderiscono all'iniziativa.
Aiutateci ad aiutare!

In senso orario:

- Fiore di Loto origami by Bynadialab
- Collana con solitario di corallo rosso by elettrarossa
- Scaldacollo in lana verde mela by ceriscio
- Spilla ciottolo di fiume in cartapesta by Sognoametista
- Astuccio lavorato ad uncinetto by nanaif
- Custodia per smartphone Pezzo Unico by Lunica
- Coppia di barattoli decorati by RiusaeCrea

Collage creato da Siska by Siskatank

11 maggio 2015

SEO per Etsy: consigli, esercizi e giochi

foto di InstantQuotes
Come accennato, il secondo mese di SEO sarà un pò più rilassato e ludico.

Ti proponiamo di partecipare attivamente ai giochi presenti nel forum EIT e di proporne altri nel thread apposito.

Gioco SEO
Giochino: Suggerisci una TAG allo shop sopra al tuo!

Ti proponiamo anche un Esercizio: individua i trend attualmente di moda su Etsy, e quelli che durano nel tempo, come suggerito nel thread e nel blog di Etsy.
Puoi ricavarne:
- parole chiave che possano essere applicate a listing già presenti nel tuo negozio (se conformi al tuo prodotto)
- idee per i tuoi prossimi prodotti che avranno maggior opportunità di avere successo nelle ricerche.

Infine ti diamo un suggerimento: sbircia di tanto in tanto le trending tags usate nelle treasury. Sono giornaliere, è vero, ma sono pur sempre un ottimo modo per tenere sotto controllo cosa si “spinge” di più.

Buon lavoro e buon divertimento!

Scritto da Giada Ramponi.

Giada ha i capelli rossi e il sorriso pronto, lavora nel negozio di antiquariato di famiglia e buca animaletti (di plastica!) per farne delle spille che vende nel suo negozio Etsy.
E’ nota nel forum EIT per gli interessanti aneddoti raccontati col suo tono scanzonato, lo stesso che ha messo a nostra disposizione in questo blog per raccontarci quello che succede nel mondo EIT.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...